pag. a cura del prof. Pasquale Riccardi

 
 
 
   
pagina aggiornata con la supervisione del prof. Eugenio Fizzotti
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

logoterapia

victor frankl

Nessuna situazione della vita può essere vista come priva di significato. V. Frankl

 

victor frankl

La logoterapia è un sistema di psicoterapia, ideato dallo psichiatra viennese Victor Emil Frankl, nato a Vienna il 26 marzo del 1905 e morto nel 1997.In senso stretto, “logoterapia” deriva dal termine logos-terapia, dove per logos si intende ricerca di significato, di senso. 

A tal proposito la logoterapia viene definita come terapia del senso o terapia per la ricerca di senso. 
Tema centrale del pensiero Frankliano è quindi la ricerca del senso della vita.Già a partire dal 1921, Frankl tiene una prima conferenza dal tema : “Il senso della vita”. L’eco della conferenza è tale che due anni dopo appare una prima pubblicazione nel quotidiano  tedesco “Der Tag”. Nasce così la corrispondenza con Sigmund Freud. Il padre della psicoanalisi esprime parere favorevole, affinché il giovane Frankl pubblichi, nel 1923,
nell'Internationale Zeitschrift für Psychoanalyse un  breve articolo Zur mimischen Bejahung und Verneinung.

Dopo queste pubblicazioni stabilisce con Freud un rapporto epistolare, ma pochi anni dopo, aderisce al pensiero di Alfred Adler. Pubblicando nel 1925, sull’Internationale Zeitschrift Fur Individualpsycholohie un breve saggio sui rapporti della psicoterapia e i valori e la visione delo mondo. Due anni dopo circa, nel 1927,  iniziano i primi dissensi da Alfred Adler.

Nella Vienna psicoanalitica di Freud esiste la psicologia individuale di Adler e nasce la logoterapia di Frankl. Entrambi sono Viennesi e a giusta ragione la logoterapia viene definita come: “ terza scuola viennese di psicoterapia” dopo la psicoanalisi e la psicologia individuale di Adler.

 

origini della logoterapia

La logoterapia, quale sistema di psicoterapia rientra nel filone umanistico-esistenziale. 

All'interno di questa corrente hanno assunto un posto di rilievo pensatori come:

  • Allport, 

  • Maslow, 

  • Murray, 

  • Nuttin, 

  • Thomae, 

  • Rogers. 

In questo filone la persona assume un ruolo centrale. E’ “presenza”, “esistenza” nel qui ed ora. 

L’intervento psicoterapeutico di questo filone mira a stimolare l’essere umano nell’atto di “emergere”, di “divenire”. Diventa pertanto essenziale l’orientamento  della persona verso il futuro, verso il rapporto con il mondo e con se stesso. 

La Logoterapia particolarmente è rivolta verso il futuro dell’uomo; un futuro che si esplica nella individuazione di un significato, di uno scopo da perseguire nella propria vita.  

Un primo aspetto importante, quindi della logoterapia, è il rapporto che l’uomo ha con il proprio progetto di vita. L’uomo, afferma Frankl, è un essere – in rapporto,  dove conta in esso:

1) l’unicità della persona; 

2)l’unicità del momento;

3) i valori e i compiti che aspettano di essere realizzati.

Centrale è la considerazione che la logoterapia ha dell’uomo: un essere complesso e sempre alla ricerca di un senso della vita. 

Un essere capace di elevarsi al di la della sofferenza e dei condizionamenti socio ambientali, fisici e psichici. Sempre per l’uomo c’è una possibilità di realizzare se stesso. Questo è il monito della logoterapia.

La complessità umana è spiegata, da Frankl, attraverso le leggi dell’ontologia dimensionale. L’uomo, in quanto essere complesso non lo si può spiegare con le sole legge del determinismo, per cui ad una visione bidimensionale, fico–psichica dell’uomo, Frankl, ne affianca una visione tridimensionale. 

Un uomo che oltre a manifestarsi nella sfera del biofisico, del socio psichico si manifesta anche in quella spirituale. E’ proprio quest’ultima, dimensione, che dà la forza, soprattutto nei momenti tragici, di sopravvivere e superare qualsiasi sofferenza attraverso la ricerca di un senso, di un significato.      L'essenza dell’essere uomo si concretizza nell’essere rivolti verso qualcosa o verso qualcuno. Solo così ci si può relazionare agli altri e realizzare, al contempo, il proprio significato di vita.

Se l'uomo è rivolto all'esterno è capace di oltrepassare se stesso; di autotrascendersi. E’ proprio sulla capacità dell’autotrascendenza che si poggiano atri aspetti centrali della logoterapia di Frankl: la libertà della volontà, la volontà di significato e il significato della vita.

 

 

applicazioni della logoterapia

La logoterapia è applicabile a qualsiasi tipo di persona o paziente che vede la propria vita senza uscita ed è nel baratro della sofferenza. 

In questo senso viene definita come terapia specifica delle nevrosi noogene. Le nevrosi noogene richiedono una terapia diretta alla radice delle nevrosi, cioè una terapia che parte dallo spirito e in tal senso viene denominata “logoterapia”, ma al tempo stesso indaga l’esistenza della persona e in questo caso viene denominata come “analisi esistenziale”. 

Se la tesi centrale della logoterapia è la ricerca di un significato da realizzare il trattamento della logoterapia è rivolto alla ricerca di uno scopo; al senso della vita. L’uomo contemporaneo vive di un abissale sentimento di mancanza di senso; vive tra la noia e il bisogno. "Nel contesto della logoterapia, il significato, il senso non rappresenta qualcosa di astratto, ma qualcosa di assolutamente concreto: il concreto significato cioè di una situazione, con cui un'altrettanto concreta persona viene a confrontarsi" (Frankl 2000a, p. 126).

Tre sono le principali direzioni lungo le quali l'uomo può trovare un significato della vita. 

  • La prima consiste in ciò che egli “fa”, e “crea” attraverso il proprio lavoro. Frankl parla, in proposito, di 'valori di creazione'

  • La seconda è costituita da ciò che la persona sperimenta nella propria vita, e sono i 'valori di esperienza'

  • La terza consiste nella capacità di rispondere nei confronti di una situazione, che non si può cambiare. Ossia nell’atteggiamento che ci riserviamo per verso di essa. ossia il nostro atteggiamento e noi stessi. Si tratta dei 'valori di atteggiamento'

 

 

la logoterapia in italia

Eugenio Fizzotti (Caserta, 1° luglio 1946) è il principale rappresentate della logoterapia in Italia. 

  • Dottore in Filosofia (1970), 

  • già Preside della Facoltà di Scienze dell'Educazione dell'Università Pontificia Salesiana di Roma,

  • Professore Ordinario di Psicologia della Religione presso la Facoltà di Scienze dell'Educazione dell'Università Pontificia Salesiana di Roma,

  • Professore invitato di Psicologia e spiritualità presso il Pontificio Ateneo "Antonianum" di Roma, 

  • Professore invitato di Psicologia della Religione presso l'Università di Urbino (Istituto Superiore di Scienze Religiose).

  • E' stato allievo di Viktor E. Frankl al Policlinico di Vienna nel 1969-1970. 

  • Traduttore e curatore in italiano di quasi tutte le opere dello psichiatra viennese, è autore di diverse opere nelle quali viene presentato in forma articolata e organica il sistema logoterapeutico. 

  • Con-fondatore del "Viktor-Frankl-Institut" di Vienna e responsabile del centro internazionale di documentazione sulla logoterapia (con sede a Roma e a Vienna).

  • E' presidente dell'Associazione di Logoterapia e Analisi Esistenziale Frankliana (A.L.Æ.F.) e direttore scientifico della rivista Ricerca di senso curata dalle Edizioni Erickson trento.

 

la logoterapia nel mondo

Austria

Viktor Frankl Institute Vienna

E-mail: logos@ap.univie.ac.at

Germania

Deutsche Gesellschaft für Logotherapie und Existenzanalyse e.V.
E-mail:
biller@ewf.uni-kiel.de

Institut für Logotherapie und Existenzanalyse Essen-Werden
E-mail
c.tirier@cityweb.de

Institut für Logotherapie und Existenzanalyse (Mülheim) Leitung: Dipl.Psych. Jürgen
E-mail
jarimond@cityweb.de

Institut für sinnzentrierte Psychotherapie nach Viktor Frankl (Logotherapie und Existenzanalyse)
E-mail
INSIP@aol.com

Akademie für Logotherapie und Existenzanalyse an der Volkshochschule Mainz
E-mail
vhs@vhs-mainz.de

Italia

Associazione di Logoterapia e Analisi Esistenziale Frankliana (ALÆF)
E-mail: logoterapiaonline@tiscalinet.it

Associazione di Logoterapia Italiana (A.L.I.)
E-mail:
ass.logoterapia@tiscalinet.it

Società Italiana di Logoterapia e Analisi Esistenziale (S.I.L.A.E.)
Padova

 

bibliografia sulla logoterapia

Logoterapia e analisi esistenziale, a cura di Eugenio Fizzotti, Morcelliana, Brescia, 2001 (5ª ed)

Teoria e terapia delle nevrosi, a cura di E. Fizzotti, Morcelliana, Brescia, 2001 (3ª ed.)

Le radici della logoterapia. Scritti giovanili 1923-1924, a cura di Eugenio Fizzotti, LAS, Roma, 2000

Uno psicologo nei lager, Prefazioni di G.W. Allport, G.B. Torellò, G. Marcel, ARES, Milano, 2000 (12ª ed)

Dio nell'inconscio. Psicoterapia e religione, Prefazione di E. Fizzotti, Morcelliana, Brescia, 2000 (4ª ed.)

Homo patiens. Soffrire con dignità, Editoriale di E. Fizzotti, Queriniana, Brescia 1998

Senso e valori per l'esistenza. La risposta della logoterapia, Prefazione di E. Fizzotti, Città Nuova, Roma, 1998 (2ª ed.)

In principio era il senso. Dalla psicoanalisi alla logoterapia, (con F. Kreuzer) Editoriale di E. Fizzotti, Queriniana, Brescia, 1995

La vita come compito. Appunti autobiografici, Prefazione di E. Fizzotti, SEI, Torino, 1997

Sincronizzazione a Birkenwald, Prefazione di E. Fizzotti, La Giuntina, Firenze, 1995

Ottimismo per vivere OK, Paoline, Milano, 1994 (3ª ed.) (con contributi di W. Böckman, U. Böschemeyer, P.H. Bresser, G. Funke, W. Kretschmer, E. Lukas)

Alla ricerca di un significato nella vita. Per una psicoterapia riumanizzata, Prefazione di E. Fizzotti, Mursia, Milano, 1993 (2ª ed.)

La sofferenza di una vita senza senso. Psicoterapia per l'uomo d'oggi, Prefazione di E. Fizzotti, Elle Di Ci, Leumann (TO), 1992 (3ª ed.)

Un significato per l'esistenza. Psicoterapia e umanismo, Prefazione di E. Fizzotti, Città Nuova, Roma, 1990 (2ª ed.) (esaurito)

Psicoterapia per tutti. Conversazioni radiofoniche sulla psichiatria, Prefazione di E. Fizzotti, Paoline, Milano, 1986 (2ª ed.) (esaurito)

Fondamenti e applicazioni della logoterapia, Prefazione di E. Fizzotti, SEI, Torino, 1977 (esaurito)

Psicoterapia nella pratica medica, Prefazione di M. Gozzano, Giunti-Barbera, Firenze, 1974 (4ª ed.)

Bazzi T. - E. Fizzotti, Guida alla logoterapia. Per una psicoterapia riumanizzata, Città Nuova, Roma, 1986 (esaurito)

Bianchi C., Frankl e la religione, Rebellato, Quarto d'Altino (Venezia), 1977

Bruzzone D., Autotrascendenza e formazione. Esperienza esistenziale, prospettive pedagogiche e sollecitazioni educative nel pensiero di Viktor E. Frankl, Vita e pensiero, Milano, 2001

Del Core P., Giovani, identità e senso della vita. Contributo sperimentale alla teoria motivazionale di V. Frankl, Prefazione di E. Fizzotti, EDI OFTES, Palermo, 1990

Fabry J.B., Introduzione alla logoterapia, Prefazione di V.E. Frankl, Astrolabio, Roma, 1970 (esaurito)

Fizzotti E. - G. De Giorgio (a cura), Verso una psicologia omeopatica, EDI Lombardo, Roma, 2001

Fizzotti E., Sulle tracce del senso. Percorsi logoterapeutici, LAS, Roma, 1998

Fizzotti E. - A. Gismondi (Edd.), Giovani, vuoto esistenziale e ricerca di senso. La sfida della logoterapia, LAS, Roma, 1998 (2ª ed.)

Fizzotti E., Che senso ha ciò che mi accade?, Città Nuova, Roma, 1996

Fizzotti E. - I. Punzi, Siamo veramente liberi?, Paoline, Milano, 1996 (5ª ed.)

Fizzotti E. (Ed.), Psicologia, psicoanalisi, psichiatria (III). La logoterapia, Società Editrice Dante Alighieri, Roma, 1995 (Contributi di P. Leandri, A. Gismondi, E. Fizzotti, I. Punzi, G. Froggio)

Fizzotti E. - I. Punzi, Solidarietà come ricerca di senso. Il contributo della logoterapia nella formazione del volontario, Salcom, Brezzo di Bedero (VA), 1994

Fizzotti E. (Ed.), "Chi ha un perché nella vita...". Teoria e pratica della logoterapia, LAS, Roma, 1993 (2ª ed.) (Contributi di E. Fizzotti, R. Carelli, V.E. Frankl, G. Froggio, A. Pacciolla, P. Del Core, U. Romeo, A. Gismondi, L. Pappalardo, I. Punzi)

Fizzotti E., Per essere liberi. Logoterapia quotidiana, Prefazione di E. Romeo, Paoline, Milano, 1998 (2ª ed.)

Fizzotti E. - A. Gismondi, Il suicidio. Vuoto esistenziale e ricerca di senso, SEI, Torino, 1991

Fizzotti E., Nel cavo della mano. Agli anziani, Prefazione di A. Ronco, Salcom, Brezzo di Bedero (VA), 1990 (2ª ed.)

Fizzotti E. - R. Carelli (Edd.), Logoterapia applicata. Da una vita senza senso ad un senso nella vita, Prefazione di V.E. Frankl, Salcom, Brezzo di Bedero (VA), 1990 (Contributi di E. Fizzotti, R. Carelli, V.E. Frankl, G. Froggio, A. Pacciolla, A. Gismondi, I. Punzi)

Fizzotti E., Angoscia e personalità. L'antropologia in Viktor E. Frankl, Prefazione di C. Di Biase, Dehoniane, Napoli, 1980 (esaurito)

Fizzotti E., La logoterapia di Frankl. Un antitodo alla disumanizzazione psicanalitica, Prefazione di T. Bazzi, Rizzoli, Milano, 1974 (esaurito)

Froggio G., Un male oscuro. Alcolismo e logoterapia di Frankl, Prefazione di E. Fizzotti, Paoline, Milano, 1987 (esaurito)

Lukas E., Dare un senso alla sofferenza. Logoterapia e dolore umano, Prefazione di K. Popielski, Cittadella, Assisi, 1995 (3ª ed.)

Lukas E., Dare un senso alla vita. Logoterapia e vuoto esistenziale, Prefazione di E. Fizzotti e V.E. Frankl, Cittadella, Assisi, 1991 (3ª ed.)

Lukas E., Prevenire le crisi. Un contributo della logoterapia, Prefazione di E. Fizzotti, Cittadella, Assisi, 1991

Lukas E., Dare un senso alla famiglia. Logoterapia e pedagogia, Prefazione di J.B. Fabry, Paoline, Milano, 1987 (esaurito).

Romeo U. - F. Bonardelli (Edd.), Viktor Frankl a Messina nel ventesimo dell'Associazione COSPES, COSPES-Centro Frankl, Messina, 1990

 

 

sitografia